Il Testa a Testa... continua!

Il testa e testa tra Napoli e Juventus continua, visto che alla ventitreesima giornata gli azzurri sono ancora un punto avanti ai bianconeri, dopo una serie di sette vittorie consecutive realizzata da entrambe, che le ha portate a fare il vuoto alle loro spalle.

Nell’ultimo turno, la Juventus ha battuto il Sassuolo per 7-0, e ciò fa pensare che la squadra del presidente Squinzi non sia scesa in campo con la giusta mentalità, per usare un eufemismo; il Napoli, invece, ha vinto per 2-0 il derby col Benevento in terra sannita, con gli stregoni di casa che hanno giocato una buona partita basata non solo su un notevole impegno agonistico ma anche su elevati ritmi di gioco, che nel primo tempo hanno creato qualche problema alla difesa partenopea. L’amicizia tra le tifoserie e i cordiali rapporti tra le dirigenze non hanno certo diminuito l’impegno delle squadre in campo, come è giusto che sia nello sport professionistico, mentre non sempre queste belle sensazioni si hanno quando altre squadre giocano contro avversari con cui hanno stretti rapporti anche commerciali...

Archiviato il ventitreesimo turno, che si è rivelato interlocutorio come previsto, ci avviamo ad un mini ciclo di partite che forse potrebbero modificare gli equilibri. Il Napoli, con due partite consecutive in casa (Lazio e Spal) e la trasferta di Cagliari, potrebbe allungare sui bianconeri che dovranno giocare in trasferta contro la Fiorentina e poi il derby col Torino, e nel mezzo avranno l’impegno di Champions col Tottenham. Certo, anche il Napoli avrà l’impegno di Europa League la prossima settimana, ma ormai è chiaro che gli azzurri puntano il tutto per tutto sul campionato, mentre l’impegno europeo passerà in secondo piano, cosa che la Juventus invece non può fare.

La società torinese, per fatturato ed investimenti, punta a vincere ogni competizione, anche la Champions, e del resto bisogna ricordare che negli ultimi tre anni sono arrivati due volte in finale. Questo forse può rappresentare un punto a favore dei partenopei, mentre i bianconeri hanno una rosa più ampia che consente loro di fronteggiare al meglio tutti gli impegni. Nell’anno in cui gli errori arbitrali possono essere corretti dalla tecnologia del V.A.R., con la Federazione che non ha ancora un nuovo Presidente (e quindi con equilibri politici ancora da sviluppare), gli azzurri hanno sul campo tutte le carte in regola per giocarsela fino alla fine.

1 commento

#1
Andrea I. ha detto: « in effetti, il vuoto di potere in Federazione potrebbe permettere un proseguimento del campionato regolare ... »

Vuoi dire la Tua? Scrivici un commento!

Nome

Posta elettronica

Commento

Capcha
Inserisci il codice