Insigne, Sarri e la forza del gruppo

La vittoria contro la Lazio nel posticipo di domenica sera è stata fondamentale sotto diversi aspetti, non solo perché consente agli azzurri di rimanere a quattro punti dalla Roma, ma anche perché l’autorevole prestazione sfoderata sul campo della quarta in classifica ha evidenziato la personalità di una squadra che secondo noi ha poco da invidiare a chi la precede, anche se questo aumenta il rammarico per le occasioni sprecate durante la stagione.

Anche nel suo secondo anno, dopo la partenza di un calciatore importante come Higuain, Sarri ha dimostrato di saper plasmare un gruppo con una forza e compattezza notevole, dove anche le individualità più rappresentative sanno mettersi al servizio della squadra. Un esempio significativo è stata la prestazione di Lorenzo Insigne: contro la Lazio, l’attaccante di Frattamaggiore non solo ha realizzato due reti, ma si è anche prodigato in diversi recuperi difensivi e ha evitato una segnatura degli avversari (con un salvataggio sulla linea di porta) nel loro momento di maggior pressione, scongiurando così il rischio di riaprire la partita.

La serata dell’Olimpico deve essere tenuta a mente dagli azzurri non solo per le buone trame di gioco evidenziate, ma anche per la mentalità offensiva e la buona gestione dei momenti più difficili, due elementi che denotano una maturazione anche mentale della squadra.

Questo patrimonio “caratteriale”, oltre che tecnico, deve essere sempre ricordato dagli azzurri, visto che la distanza dalla Roma, come abbiamo analizzato nel precedente articolo Fino alla fine, non è incolmabile, se però il Napoli riuscirà a mantenere questa costanza mentale affinché non si abbiano rimpianti per un obiettivo (il secondo posto), ancora alla portata.

Vuoi dire la Tua? Scrivici un commento!

Nome

Posta elettronica

Commento

Capcha
Inserisci il codice