Napoli post-Cagliari: se permettete la "mano" ve la diamo noi!

Il netto successo per 5-0 sul campo del Cagliari, che fa seguito alle vittorie casalinghe contro Lazio e Spal, non solo consente agli azzurri di mantenere la vetta della classifica, ma di portarsi addirittura a +4 sulla Juventus, che domenica non ha giocato a causa della nevicata su Torino.

È chiaro che i bianconeri avranno l’opportunità di recuperare, ma nel frattempo il Napoli per qualche settimana avrà un leggero vantaggio psicologico, perché la pressione mediatica sarà un po’ più leggera, mentre la Juventus avrà pur sempre l’assillo di dover vincere per rimanere in scia. Sarà rimasto male il portiere del Cagliari, Cragno, di cui parlammo nel precedente articolo Una generazione di fenomeni, che alla vigilia della partita aveva dichiarato di voler dare una "mano" alla Juventus per fermare il Napoli... Invece, è stato proprio il club azzurro a dare una "sonora" mano, anzi una manita, in faccia all'arrogantello portiere isolano.

E visto e considerato i cinque goal subiti, si può parlare tranquillamente di un bello "schiaffo" morale!

Napoli ancora una volta maturo, che sa quando attendere e quando affondare il colpo, decidendo di arrivare sotto la porta avversaria con un palleggio elaborato oppure con verticalizzazioni devastanti. Esempio di quest’ultima situazione tattica è l’azione del primo goal, dove la manovra elaborata sulla fascia destra ha visto Allan, invece di Husaj, arrivare sul fondo e crossare all’interno per l’inserimento di Callejon che ha puntualmente realizzato, in un’azione di gioco degna di “Zemanlandia”, da manuale del 4-3-3. Nell’articolo pubblicato dopo il pareggio interno con la Fiorentina, Un momento difficile: San Sarri proteggici tu!, avevamo parlato dello spostamento del gioco del Napoli sulla catena di destra, visto che sul lato sinistro Hamsik viveva un precario momento di forma e Ghoulam si era infortunato.

A distanza di due mesi, evidenziamo quanto Sarri abbia lavorato benissimo su questa situazione, sfruttando la crescita di Allan anche in fase offensiva. Ora che sono migliorate le condizioni di Hamsik e Mario Rui, che non sta facendo rimpiangere Ghoulam, la fase offensiva del Napoli è efficace su entrambe le fasce.

A dodici giornate dalla fine, il Napoli dimostra ancora una volta di avere le carte in regola per riportare in città il tanto agognato tricolore che manca da ben 28 anni, perché – se permettete – la "mano" questa volta ve l'abbiamo data noi... ma in faccia!

3 commenti

#1
Francesco Scognamiglio ha detto: « Condivido quanto scritto da Marco e spero in particolare che la pressione mediatica e psicologica giochi un brutto scherzo alla "Vecchia Signora" magari già nella prossima trasferta in casa della Lazio. »

#2
I.G. ha detto: « Ma speriamo anche in un bel colpo di sfiga! Incominciamo ad incrociare le dita!!! »

#3
Andrea I. ha detto: « L'uscita dall'Europa League è stata positiva, così la squadra si può dedicare totalmente al campionato, perché preparando una sola partita a settimana il Napoli potrebbe farcela davvero »

Vuoi dire la Tua? Scrivici un commento!

Nome

Posta elettronica

Commento

Capcha
Inserisci il codice